SCOPRIAMO IL CAGLIARI DI MARAN

 In Breaking News, MAGAZINE - PRIMI PIANI

Rolando Maran, subentrato in estate al posto di Diego Luis López, ha ereditato un Cagliari che negli ultimi due anni non ha mai convinto totalmente, nonostante le salvezze conquistate a fatica. Inizio difficile quello dei sardi che hanno raccolto 6 punti in 7 match disputati, inizio che ha fatto emergere difficoltà dal punto di vista realizzativo. I rossoblù fino ad oggi hanno messo a segno 12 gol e ne hanno incassati 16, mantenendo la porta inviolata per 4 volte contro Atalanta, Sampdoria, Bologna e Torino. Il 4-3-1-2 è il marchio di fabbrica di mister Maran. Tra i pali Cragno che ha dimostrato affidabilità e ha acquisito la fiducia di tutto l’ambiente sardo, grazie alle 43 parate effettuate. Un ragazzo che si è formato nelle ultime stagioni grazie anche ad una ottima continuità. In difesa grande esperienza: la fascia sinistra è presidiata dal croato Darijo Srna, quella destra dall’ex Juventus, Padoin. Al centro del pacchetto arretrato confermato Ceppitelli, dubbio sull’impiego di Romagna – scuola Juve – che, seppur in vantaggio, è in ballottaggio a tre con Klavan e Pisacane. Punto di forza della squadra è il centrocampo. Bradaric – che con il Torino è subentrato in corsa – sarà il playmaker basso con il compito di impostare e dare copertura alla difesa, sul centro sinistra il gioiello di  casa, il duttile Barella, per il centro destra Maran dovrà ovviare al grave infortunio di Ruben Castro e per farlo con molta probabilità si affiderà a Dessena. Sulla trequarti agirà Ionita, ma resta da monitorare la situazione Dessena, nel caso in cui venga sostituito da Farias ci sarà il conseguente arretramento di Ionita sulla linea dei 3 centrali. In attacco dubbio Pavoletti che lamenta un affaticamento muscolare al flessore, pronto a sostituirlo Cerri. A completare l’11 titolare ci sarà Joao Pedro, il brasiliano agirà alle spalle della prima punta con il compito di inventare e di attaccare gli spazi. Pochi i precedenti tra Cagliari e Frosinone, i primi risalgono al 1989 in Serie C1, il più recente risale al 2013, in un match di Tim Cup terminato 2-1 (dopo i supplementari) per i giallazzurri grazie ai gol di Daniel Ciofani e di Davis Curiale. In panchina per i sardi anche Lorenzo Ariaudo, ora in forza al Frosinone.

Ufficio Stampa

Frosinone Calcio

 

Articoli Recenti